domenica 6 agosto 2017

La scienza della perdita di peso

La scienza della perdita di peso: la chimica per farci capire che il grasso diventa acqua e anidride carbonica


Buongiorno Buongiorno!!

Sotto il penultimo post su Instagram, vi promettevo un post domenicale imperdibile. Ebbene eccoci qui, è domenica e questo è il mio post per voi.

È ispirato ad un TED che ho ascoltato tempo fa, ma che mi è rimasto impresso nella mente per la sua genialità.

Vedremo la scienza dietro la perdita di grasso corporeo. Perché è facile dire “bruciare grasso o dimagrire”. 

Ma .... dove va a finire sto grasso?


Bene, tirate fuori gli occhiali da nerd, si comincia!




Ruben, lo scienziato che conduce il TED, ha intervistato delle persone chiedendo loro dove andasse a finire il grasso, o cosa diventa

Voi cosa risponderete? 

Che diventa etere, finisce nelle feci, diventa sudore, evapora, diventa calore e viene usato come energia?

Nessuno di voi ha ragione, purtroppo. E nemmeno io avevo ragione! 

Questo è quello che pensiamo un po’ tutti, per sapere popolare, fino a che qualcuno non ci insegna. Non ci insegna a guardare le cose per come stanno e a fare deduzioni logiche.


Come è fatto il grasso da un punto di vista chimico?

Sappiamo che è fatto da 3 catene di atomi di carbonio, catene che possono essere più o meno lunghe, con diversi atomi di idrogeno e di ossigeno.
 
Trigliceride
Beh, una molecola di grasso corporeo umano, è in media formata da:

55 atomi di Carbonio
104 atomi di Idrogeno
6 atomi di Ossigeno 

Carbonio e Idrogeno sono le molecole variabili per quantità. L’idrogeno può essere più o meno numeroso per la presenza di doppi legami tra atomi di carbonio.
L’ossigeno è l’unica costante. Tra la molecola di glicerolo e le 3 di acidi grassi, ci sono solo 6 atomi di ossigeno.

Allora noi abbiamo del grasso, e quotidianamente, per vivere respiriamo. Nell’aria, la molecola più importante, non quella più presente, è l’ossigeno perché ci permette di ossidare le molecole e ricavare energia.

Ora, se il grasso viene a contatto con l’ossigeno, le reazioni biochimiche liberano anidride carbonica e acqua.




Più precisamente:

C55H104O6+78O2 -> 55CO2+52H2O

Stiamo parlando di Kg di grasso, ossigeno, anidride carbonica e acqua. L’energia, che qualcuno pensa si ottenga dal grasso, si misura in cal, serve per muoversi, per crescere, per pensare, per riscaldarsi. Non rientra in questa reazione.

Gli atomi, tali sono e tali restano anche dopo la reazione. Ce lo dice la stechiometria e il bilanciamento delle reazioni.

Quindi, se io ho 10 Kg di grasso, quanta anidride e quanta acqua produco?


Chiediamo aiuto a Mendeleev e alla sua tavola periodica degli elementi, alla mia ex prof di chimica e al prof di matematica


Dopo un briefing di 3 anni di chimica e 5 di matematica, possiamo dire che:

da 1 molecola di grasso otteniamo l’84% di anidride carbonica e il 16% di acqua.

Quindi, dei nostri 10 kg di grasso, 8.4 kg andranno persi come anidride carbonica quando espiriamo, e 1.6 kg andranno persi come acqua quando sudiamo, facciamo pipì o che altro.

Messa così sembra sia sufficiente respirare ossigeno ed espirare, per perdere grasso.

Quindi se provate a stare seduti e a respirare più velocemente, andrete solo in iperventilazione e il grasso rimarrà li.


Perché?

Il fulcro di questa reazione sta nella freccia, che ci permette di passare dal grasso all’anidride e all’acqua.

Nella freccia sono riassunte tutte le reazioni biochimiche che permettono di rendere il grasso disponibile ad essere ossidato ed essere strasformato in CO2 e H2O.

Come si rende il grasso disponibile? 


Basta farlo uscire dagil adipociti, le cellule in cui si deposita il grasso, sottoforma di acidi grassi. Da ogni molecola di grasso, trigliceride, si liberano 3 molecole di acidi grassi. Acidi grassi che entreranno in circolo nel sangue e saranno ossidati.

E per fare uscire il grasso da questi benedetti adipociti? 


Basta creare un deficit energetico, quindi …..mangia meno e muoviti di più.

Toh, siamo tornati alle basi di ogni regime di dimagrimento.



La magia della scienza, dove tutto ha ragione di essere.

Vi consiglio di guardare il video del TED, anche se è in inglese, mettete i sottotitoli. È vero che parla veloce, ma fa anche delle simpatiche dimostrazioni con un palloncino, l’azoto liquido e il ghiaccio secco.


Spero di avervi arrovellato per bene il cervello. Ora potrete dire di sapere che fine fa il grasso. Sapete che non viene bruciato, e non lo defechiamo.

Spero di avervi tenuto compagnia anche in questa domenica.


Buona vita!

Nessun commento:

Posta un commento