domenica 3 gennaio 2016

AAA: cercasi alcalinità

Un corpo alcalino è un corpo sano. Come ottenerlo?



Alcalinità: non è una qualità, un difetto, un vizio o una virtù. Quando ci presentiamo agli altri non diciamo “ah….. quasi dimenticavo, sono alcalino!”. 

Avere un corpo alcalino, però,  è la chiave per godere di una buona salute.

Il dizionario online, perché siamo diventati troppo pigri per alzarci dalla sedia e sfogliare la versione cartacea, ci dice che:



alcalinità esprime la quantità di sali con proprietà di alcali disciolti nell'acqua. Potrebbe essere definita il contrario di acidità. 
Rappresenta la capacità dell'acqua a "resistere" a cambiamenti indotti del suo pH
L'alcalinità è dovuta ioni carbonati acidi e ossidrili.

Alcalinità: un po' di chimica

Wow, tutti sono capaci di fare copia e incolla da Wikipedia, no? Si, ma un po’ di pazienza! Andiamo con ordine:



- alcalino è sinonimo di basico, che quindi è contrario di acido

- il pH è una unità di misura che indica quanto è acida (o basica/alcalina) una soluzione liquida. 
Il valore di pH è compreso tra 0 e 14. 
Se il pH è inferiore a 6 abbiamo una soluzione acida; se è uguale a 7 è neutra; se è superiore a 7 è basica/alcalina

-ioni carbonati acidi (H3O+) e ossidrili (OH-) sono molecole chimiche che hanno una carica elettrica positiva o negativa.  
Il pH calcola la quantità di OH-, quindi di cariche negative, disciolte in soluzione. Se abbiamo un numero di pH basso (OH-) vuol dire che la soluzione è acida, e che il numero di H3O+ è alto (ricorda che in totale devono dare 14!).

Scala del pH
Applichiamo questo che abbiamo appena scoperto alla vita di tutti ti giorni quindi al nostro corpo e all’alimentazione.

Alcalinità e corpo umano

Quello che mangiamo e beviamo influenza il pH del nostro organismo, o più giustamente, dovrei dire del sangue. 

Ricordiamo che durante la digestione tutto il cibo è scomposto fin nei minimi particolari, diventando quindi delle piccole molecole chimiche che possono avere carica positiva o negativa ( come quelle qui sopra).

Il nostro organismo per essere in salute dovrebbe essere in equilibrio, quindi con pH circa 7
Per scoprire qual è il pH del nostro corpo basta prendere una cartina tornasole e versarci sopra delle gocce di saliva o urina. 

Perché dai, detto tra di noi, chi non ha un rotolo di cartina tornasole a casa?!

Cartina tornasole
Torniamo a noi.

I liquidi organici (sangue, urine, saliva..) sono tendenzialmente basici/alcalini, quindi hanno un pH di circa 7 o poco più. 

Normalmente l’alimentazione di tutti i giorni porta a creare un ambiente acido, e avere un organismo acido è molto più comune che avere un organismo estremamente basico.

Quindi, quando a seguito di un nostro commento, magari non proprio simpatico, ci dicono che siamo acidi, possiamo giustificarci dicendo: “eh vallo dire al mio sangue!” (Lo so, queste perle di finto umorismo posso risparmiarle).

Il nostro organismo, però, non si fa abbattere da battute di questo genere e nemmeno da uno squilibrio acido/basico e innesca una serie di reazioni chimiche che permettono di riequilibrare l’ambiente.

Perché tanto affannarsi a prestare attenzione a quello che mangiamo se poi il nostro organismo si rimette in pari da solo? 
Perché non vogliamo affaticarlo, come quando abbiamo parlato dei carboidrati, sia perché uno squilibrio eccessivo verso l’acido o il basico per lungo tempo può portare a dei problemi salutari.

FoodSchool tip: lo sai che l’invecchiamento è dovuto ad un sangue eccessivamente acido. 
Con l’avanzare dell’età il nostro organismo è sempre meno capace di tamponare/riequilibrare gli squilibri acidi/basici.

Se il nostro sangue è eccessivamente acido, il nostro organismo non riesce ad assimilare in maniera corretta i sali minerali, le vitamine e i nutrienti che ingeriamo con l’alimentazione. Quindi il nostro corpo fatica maggiormente a guarire, a creare nuove cellule e a rinnovarsi. Si avranno quindi più facilmente infiammazioni, pelle secca, crampi, dolori articolari, mancanza di energia, stanchezza, caduta dei capelli, bruciori allo stomaco, cellulite, squilibri ormonali…

Molto spesso è proprio a causa dei cibi che ingeriamo che creiamo queste condizioni. 

Alimentazione: cibi alcalini

Guarda un po’ il caso, sono gli alimenti che ci piacciono di più a farci questi scherzi: caffè, alcolici, zuccheri raffinati, antibiotici (ok non ci nutriamo di quelli, ma comunque contribuiscono), latticini, cioccolato, cereali raffinati, prodotti inscatolati, derivati animali (carne, salumi), aceto di vino bianco, tabacco…

Solitamente sono gli atleti o i carnivori conclamati che hanno di questi problemi perché consumando proteine in eccesso per aumentare la massa muscolare o per abitudine alimentare, creano facilmente un ambiente acido.

Quindi con una logica deduzione, tutto quello che non è citato qui sopra, vedi frutta, verdura, frutta secca, semi oleaginosi, spezie aromatiche….crea delle condizioni basiche/alcaline, quando digerite. 

Elementare Watson!

Cibi acidi e basici
Attenzione, però, con questo no voglio assolutamente dire che da domani bisogna diventare vegani, perché non sia mai che mi chiamino arpia acida perché ho il ph basso!

FoodSchool tip: avrai notato come gli alimenti che all’inizio possono apparire acidi (agrumi e verdure) in realtà quando digeriti assumono funzione basica. 
Per contro, gli alimenti che al primo morso sembrano basici (latticini e carni) in realtà hanno effetti acidi sull'organismo. 

Ah, quindi, detto questo, se soffri di ulcera allo stomaco o di acidità, non consumare latte che da sollievo solo per pochi minuti perché poi ha conseguenze molto negative!

Vedi un po’, quindi, che basta aumentare ogni giorni il consumo di frutta fresca, verdura fresca e possibilmente verde scura in foglia per regolarizzare l’equilibrio del pH dell’organismo. 

Per una corretta alimentazione si consiglia di consumare per il 60% prodotti basici/alcalini e per il 40%.... esatto prodotti acidi.

Quindi confrontando gli alimenti elencati sopra nella tabella, possiamo osservare che la chiave per l’equilibrio sta nei sali minerali contenuti negli ortaggi e nella frutta. 
In particolare sono importanti potassio, calcio e magnesio in questa funzione alcalinizzante dell’organismo.

Calcio, Magnesio, Potassio
Un aiuto può arrivarci anche da alcuni integratori che si trovano in commercio, che sono un concentrato di sali e bicarbonati che aiutano l’organismo a ripristinare l’equilibrio.

Ah ovviamente sono ben accetti commenti e opinioni su questo post e in generale! Son curiosa di sapere come la pensate :)

Fino alla prossima…. buona vita!



2 commenti:

  1. Ciao, come da post ti lascio un commento per due motivi:
    1- il lavoro che stai compiendo con questo blog è fantastico!
    2- vorrei sapere qualcosa di più sugli integratori alimentari che aiutano a ripristinare l'equilibrio!

    Hai dato proprio una bella svolta al tuo stile di vita, un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! ti ringrazio molto per questo commento, mi ha fatto molto piacere :)
      nel post faccio riferimento a degli integratori che, in quanto distributrice, volevo che la gente venisse a conoscenza perchè credo siano un valido aiuto nella vita di tutti i giorni. con il tempo mi sono accorta però che questo lavoro non fa per me. se comunque sei interessato sappi che appartengono alla linea FitLine e posso comunque darti maggiori informazioni/indicazioni se mi scrivi a alfier.cristina.1309@gmail.com

      Elimina